Project Management

“Diventare Digitali” non è più un’opzione, ma un must. La maggior parte delle organizzazioni e dei dirigenti hanno capito l’importanza della trasformazione digitale e ormai digitalizzare un’organizzazione è fattibile. La parte difficile è cambiare le abitudini radicate.

La trasformazione digitale è un obiettivo attuale di tutte le aziende.

Ma cosa ci vuole per trasformare digitalmente un’organizzazione con successo?

È palese che la tecnologia da sola non basti, un’organizzazione non è automaticamente “digitale” solo perché ha implementato strumenti digitali, seppur all’avanguardia. La trasformazione digitale di un’azienda può avere successo solo se le sue persone decidono di supportarla e per ottenere ciò occorre un coinvolgimento profondo, attraverso una condivisione degli obiettivi, oltre che dei benefici. Ecco perché diventa necessario essere accompagnati da un abile Digital Leader, in grado di trasmettere una forte carica emotiva, derivante dalla sua esperienza, maturata lungo un percorso di casi di successo.

Ecco le 5 competenze di un vero Digital Leader.

1. Possedere l’alfabetizzazione digitale

È dato che un Digital Leader deve avere l’alfabetizzazione digitale. La task force “ALA Digital Literacy” definisce l’alfabetizzazione digitale come

[…] la capacità di utilizzare le tecnologie ICT per individuare, valutare, sviluppare e condividere le informazioni, attraverso competenze sia cognitive che tecniche.

DNA DigitaleUn Digital Leader deve saper impiantare il “DNA digitale”, che non significa necessariamente essere e lavorare solo con i cosiddetti nativi digitali, bensì che debba essere in grado di capire e immaginare come la tecnologia potrebbe facilitare la vita quotidiana e professionale delle persone. La collaborazione tra team, l’innovazione, la condivisione del know-how e altre caratteristiche peculiari di ogni organizzazione aziendale, dovrebbero essere amplificate e valorizzate da un Digital Leader, che sappia “danzare” fra le tecnologie e i processi e innescare circoli virtuosi di miglioramento continuo.

2. Essere visionario

Una delle caratteristiche che contraddistingue i leader digitali di successo è la visione che sono capaci di ispirare negli altri. Ciò significa che il Digital Leader deve essere un grande narratore, perché le storie portano emozioni, le quali lo aiutano a creare relazioni empatiche con i propri interlocutori, riuscendo a motivarli e a renderli a loro volta ambasciatori della digital transformation in azienda. Creando valore aggiunto per l’organizzazione e per gli stakeholder interni.

I leader digitali non solo seguono i trend tecnologici, ma sanno immaginare soluzioni che non esistono ancora, attingendo soprattutto dalla contaminazione di conoscenze acquisite nella digitalizzazione di altri settori e contesti aziendali. Non credono nell’impossibile e condividere questo stato d’animo permette loro un alto grado di successo nel coinvolgimento di tutti i livelli dell’organizzazione da “trasformare”.

3. Essere sperimentale

Il Digital Leader non ha paura di rischiare o fallire, altrimenti innovazione e progresso non sarebbero possibili. Questo implica la creazione di un ambiente di lavoro in cui le persone possano permettersi di commettere errori, almeno nella fase iniziale di trasformazione, mettendosi a disposizione per risolvere eventuali problematiche, che potrebbero emergere lungo il percorso di digitalizzazione. Questo approccio incoraggia le persone a sperimentare e innovare a loro volta e quindi a contribuire a traghettare l’azienda verso la crescita.

Il Digital Leader non solo sperimenta la tecnologia, ma è anche disposto a provare nuovi modelli di gestione e di leadership. Si rende conto che parte di una strategia digitale è anche quella di modificare i metodi di gestione. La tradizionale struttura organizzativa gerarchica spesso appesantisce i processi e l’unico modo di migliorare l’efficienza è di frequente quello di rivedere l’interazione che l’organigramma ha sui singoli flussi informativi.

4. Agire come facilitatore

Il Digital Leader agisce come mediatore tra “immigrati digitali” (quelli che non sono cresciuti con Internet e i nuovi media) e “nativi digitali” (coloro che usano internet e le nuove tecnologie in maniera naturale, come lavarsi i denti). Affinché un’azienda si trasformi con successo in un’organizzazione digitale, è essenziale che nessuno venga lasciato indietro.

Il Digital Leader deve trovare strategie per colmare il divario digitale fra i collaboratori aziendali e per assicurarsi che tutti beneficino della trasformazione, nella propria operatività quotidiana.

5. Mettere le persone al centro

Human CenteredUn compito del leader del digitale è quello di creare una piattaforma digitale inclusiva e di implementare nuovi processi e strumenti allineati con gli obiettivi e le strategie aziendali. Ma un grande Digital Leader capisce che, nonostante l’importanza del raggiungimento degli obiettivi aziendali, le persone vengono sempre prima.

Quando il Digital Leader riesce a trasmettere la propria visione, la trasformazione digitale in azienda non è più un progetto, ma diventa parte integrante dell’organizzazione e tutti la vivono nel quotidiano. Forzare l’utilizzo di un nuovo strumento, o l’adozione di nuovi processi, porta solo ad innescare meccanismi di resistenza e di rifiuto. Risulta quindi fondamentale trasmettere prestazioni della nuova tecnologia e dei processi, offrendo parallelamente una formazione e un coaching adeguati, a tutti i collaboratori, eventualmente raggruppati per funzioni ed uffici, al fine di permettere alle persone di familiarizzare gradualmente con il nuovo, senza esserne spaventati.

Oltre al Digital Leader

“Perché la digitalizzazione attecchisca veramente in azienda, permettendo poi di beneficiare effettivamente dei vantaggi previsti, non si può quindi trascurare il ruolo del Digital Leader, ma altrettanto importante il coinvolgimento di un valido Project Manager. Quest’ultimo ha il compito di gestire tutti gli aspetti operativi progettuali, mantenere la regia delle attività monitorando continuamente lo stato di avanzamento lavori, sia dal punto di vista delle tempistiche che dei risultati, e coordinare  risorse interne ed esterne all’azienda, in maniera che ne risulti un team coeso, che concorra al raggiungimento di obiettivi comuni.”

“Selezioniamo e formiamo tutti i nostri collaboratori perché le loro professionalità, tecniche e metodologiche, corrispondano alla funzione del Project Manager. Le capacità di orientare il lavoro delle persone e di guidarle al raggiungimento dei risultati, con una forte propensione alla coltivazione delle relazioni, aggiunte alle competenze del Project Manager, elevano un consulente ad un vero e proprio Digital Leader e si acquisiscono solo con un’elevata esperienza maturata sul campo.”

NOTIZIE DIGITALI CORRELATE

Pin It on Pinterest