Fatturazione Elettronica

Fatturazione Elettronica B2B

Dal primo gennaio 2017 diventa possibile inviare fatture elettroniche in formato “FatturaPA” anche negli scambi tra privati, sempre transitando dal Sistema di Interscambio, intermediario già attivo per le fatture alle Pubbliche Amministrazioni.

Stesso meccanismo, stesso canale, diversi interlocutori, rispetto alla Fatturazione Elettronica verso la Pubblica Amministrazione.

Il formato “fattura PA” è stato adeguato alle esigenze della fatturazione tra privati e le nuove specifiche sono state aggiornate e pubblicate sul sito fatturapa.gov.it. Tale nuovo formato sarà utilizzato sia per la Fatturazione Elettronica verso la PA sia per la Fatturazione Elettronica fra privati ed è risultato (anche) della sperimentazione a cui alcuni enti hanno partecipato a partire da luglio 2016, per testare la Fatturazione Elettronica B2B.

Lo scenario

Una delle modifiche al formato riguarda l’identificazione del destinatario delle fatture, che nel caso delle fatture verso le Pubbliche Amministrazioni era realizzata tramite il Codice Univoco IPA. Nel caso di fatture elettroniche tra privati invece, il destinatario sarà definito tramite:

  • il campo che ne identificherà l’indirizzo PEC
  • un altro canale concordato con Sogei (emittente o provider) se compilato il campo di 7 caratteri

Coloro che sceglieranno di generare e inviare fatture in formato FatturaPA ai propri Clienti, sia che si tratti di Pubbliche Amministrazioni, sia che si tratti di privati, dovranno conservare tali documenti in formato digitale tramite opportune procedure di Conservazione Elettronica a norma, evitando così di stampare il documento cartaceo.

Resta aperta invece la scelta del sistema di conservazione per coloro che riceveranno la Fattura Elettronica, ad esempio come allegato XML ad una PEC. Tali enti potranno infatti stampare il documento in formato cartaceo e continuare a mantenere un archivio fiscale di tipo cartaceo, oppure potranno cogliere l’occasione per dematerializzare le fatture di acquisito e conservarle tramite Conservazione Elettronica a norma.

Quali vantaggi posso ottenere con la fatturazione elettronica B2B?

Primo vantaggio per chi adotterà la Fatturazione Elettronica anche per gli scambi tra pr

Fatturazione Elettronica B2Bivati sarà quello di avere un canale istituzionale per gestire la trasmissione, la consegna, gli scarti e i rifiuti in maniera uniforme e consolidata. Si evitano così tutti i disagi legati alla gestione singola e differente per ciascuna fattura emessa, che si basi più sulle esigenze del Cliente che su reali necessità legate alla normativa. Diverse agevolazioni sono state introdotte per coloro che sceglieranno di generare Fatture Elettroniche tra Privati, essendo esonerati da alcuni obblighi di comunicazione:

  • elenchi Paesi blacklist;
  • elenchi riepilogativi degli acquisti di beni intracomunitari e servizi ricevuti;
  • Comunicazioni dei dati relativi ai contratti stipulati dalle società di leasing;
  • comunicazione dei dati operatori che svolgono attività di locazione;
  • comunicazioni di avvenuta registrazione a seguito di acquisti San Marino.

Inoltre potranno beneficiare di alcune semplificazioni:

  • rimborsi IVA eseguiti in via prioritaria entro tre mesi dalla presentazione della dichiaraz
  • ione annuale;
  • riduzione di un anno dei termini di accertamento in materia di IVA e imposte dirette, purché venga garantita la tracciabilità dei pagamenti effettuati e ricevutibonifico bancario o postale
    • carta di debito o carta di credito
    • assegno bancario, circolare o postale recante clausola di non trasferibilità. E’ possibile effettuare e ricevere pagamenti in contanti, purché inferiore ad €30,00.
Fatturazione Elettronica PA

Fatturazione Elettronica PA

Il 6 giugno 2014 è partito l’obbligo di utilizzo della Fatturazione Elettronica nei rapporti economici con le Pubbliche Amministrazioni centrali (Ministeri, Uffici di Previdenza e Assistenza Sociale, Agenzie Fiscali); dal 31 marzo 2015 tale obbligo è stato esteso a tutte le altre Pubbliche Amministrazioni  e di conseguenza tutti i fornitori di qualsiasi PA sonoo obbligati ad inviare solo fatture elettroniche, secondo le caratteristiche previste dalla normativa.

Proprio su questo aspetto, per i fornitori l’ottemperanza a tale disposizione nei rapporti con le Pubbliche Amministrazioni è fondamentale in quanto le PA possono procedere al pagamento delle fatture solo se ricevute in formato elettronico.

Cosa dice la normativa?

La Legge n. 244 del 24 dicembre 2007 ha istituito l’obbligo di trasmettere solo fatture elettroniche per le aziende che prestano servizi o cedono beni alle Pubbliche Amministrazioni  (articolo 1, commi 209-214). La legge prevede inoltre l’istituzione del Sistema di Interscambio (SdI), che presidierà il processo di ricezione e successivo inoltro delle fatture elettroniche alle amministrazioni destinatarie.

Il primo Decreto Attuativo della Legge 244 risale al 7 marzo 2008 e individua il gestore del Sistema di Interscambio ele relative attribuzioni e competenze.

Il Decreto n. 66 del 24 aprile 2014 entrato in vigore il 24/04/2014 ha anticipato al 31 marzo 2015 il termine di decorrenza degli obblighi di fatturazione elettronica per le Pubbliche Amministrazioni locali.

Se vuoi leggere le ultime novità normative riguardo alla Fatturazione Elettronica, vai alla sezione dedicata del nostro BlogClicca qui

Quali vantaggi posso ottenere con la fatturazione elettronica?

La digitalizzazione costituisce e costituirà un elemento fondamentale per la competitività delle imprese: per quanto riguarda la sola fatturazione elettronica verso la PA si stimano dei risparmi raggiungibili di 1 miliardo di euro/anno per la PA e di circa 500 milioni di euro/anno per le aziende fornitrici della PA.

La gestione digitalizzata dell’intero Ciclo Attivo aziendale permette l’ottimizzazione delle risorse e l’aumento dell’efficienza. In particolare la fatturazione elettronica può portare altri importanti vantaggi per le imprese: i tempi di approvazione e di pagamento delle Pubbliche Amministrazioni diventeranno più trasparenti e soprattutto più veloci, e il carico di lavoro degli operatori amministrativi calerà visibilmente.

I benefici derivanti dalla fatturazione elettronica possono crescere notevolmente per chi sceglie di digitalizzare tutto il processo “Source to Pay” ovvero il ciclo ordine-fattura-pagamento. Tale attività apre un ampio scenario di opportunità legate alla digitalizzazione di tutto il ciclo, che è importante cogliere per restare competitivi nel mercato.

Fatturazione Elettronica PA

Cosa si può fare nel concreto?

Cosa significa produrre una fattura elettronica? A chi bisogna inviarla? Secondo quali modalità?

La soluzione proposta risponde a queste domande e consente di gestire tutti gli step operativi, in sostanza:

  • Acquisisce la fattura in formato xml (l’unico formato accettato)  prodotta dall’ ERP oppure crea l’xml a partire da un file PDF
  • Controlla che la fattura sia completata nei campi necessari, per evitare di inviare fatture inesatte che  sarebbero rifiutate dal Sistema di Interscambio (l’infrastruttura trasmissiva dedicata allo scambio automatizzato di flussi dati con le Pubbliche Amministrazioni)
  • Compila il file con i dati mancanti  fra cui il Trasmittente e l’Emittente, il numero identificativo univoco della fattura
  • Firma digitalmente la fattura con un certificato di firma del fornitore oppure con la firma dell’Intermediario
  • Dialoga con il Sistema di Interscambio gestendo anche le notifiche
  • Invia tutte le fatture in Conservazione Elettronica (secondo le nuove Regole Tecniche di Conservazione pubblicate in G.U. il 12 marzo 2014)

Il servizio di consulenza che offriamo e la possibilità di integrare le tecnologie necessarie per la fatturazione con gli ERP aziendali, semplificano per l’impresa l’ adozione di questa procedura valutando con essa gli step necessari in base specifiche esigenze.

Sei un fornitore della Pubblica Amministrazione?

Con il servizio di Fatturazione Elettronica di Talea Consulting puoi gestire in automatico tutti i passi necessari:

  • ​trasformare le fatture PDF in un file XML PA
  • trasmettere e firmare le fatture XML PA
  • gestire le notifiche
  • conservare in modalità elettronica a norma le fatture XML PA

Utilizzare il servizio è semplicissimo, non hai bisogno né della Firma digitale né della PEC.
Emetti la fattura, al resto ci pensiamo noi!

Chiedi un preventivo Gratuito

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Organizzazione

Numero Fatture Elettroniche annue

NOTIZIE DIGITALI CORRELATE

4 maggio 2018

Pin It on Pinterest