Conservazione elettronica dei documenti 2016 entro la fine di maggio 2017?

La conservazione elettronica di fatture e registri 2016 è stata anticipata al 28 maggio 2017?

Lo abbiamo chiesto all’Agenzia delle Entrate, ponendo un quesito al contact center.

Talea:

“Siamo a richiedere conferma circa la modifica dei termini per la conservazione sostitutiva dei documenti IVA (fatture e registri IVA) anticipata al 28/05 dell’anno successivo, anziché come precedentemente previsto al 31/12 dell’anno successivo. In particolare per quanto riguarda l’esercizio 2016 si chiede conferma che il termine sia stato anticipato al 28/05/17.”

Agenzia delle Entrate:

“La conservazione dei documenti fiscali con sistemi meccanografici si considera ‘regolare in difetto di trascrizione su supporti cartacei, nei termini di legge, dei dati relativi all’esercizio per il quale i termini di presentazione delle relative dichiarazioni annuali non siano scaduti da oltre tre mesi(art. 7, comma 4-ter, D.L. 10/06/1994 n. 357).
Poiché, il termine per la presentazione della dichiarazione annuale IVA relativa all’anno di imposta 2016 è stata anticipata al 28/02/2017, i tre mesi decorrono da tale data e scadono il 31/05/2017.”

 

Quindi, dal momento che la scadenza della dichiarazione IVA 2017, riferita al 2016, è stata il 28 febbraio 2017, confermiamo, per i soggetti con periodo d’imposta coincidente con l’anno solare, la scadenza a fine maggio 2017 del termine per:

  • la stampa dei registri IVA
  • la conservazione elettronica delle fatture

Rimane invariata la scadenza del 30 dicembre 2017 per la conservazione degli altri libri contabili obbligatori relativi al 2016 (libro giornale, libro inventari…).

Restiamo a disposizione di tutti coloro che desiderino ricevere ulteriori informazioni, relative alla possibilità di conservare elettronicamente i propri documenti.

Approfondisci le nostre soluzioni di Conservazione Elettronica

Related Posts

Pin It on Pinterest